legno

Le Tipologie di Legno

Le tre principali tipologie di legno utilizzate da BCB – STRUTTURE IN LEGNO sono:

- legno massiccio
- KVH
- legno lamellare

LEGNO MASSICCIO

I prodotti di legno massiccio per l’edilizia sono quelli provenienti dai tronchi migliori come forma, dimensioni, caratteristiche di accrescimento.

Gli elementi strutturali in legno massiccio sono reperibili sul mercato in varie specie legnose (le principali: abete rosso, abete bianco, larice, castagno, quercia) e diverse tipologie di lavorazione (uso Trieste, uso Fiume, spigolo vivo).

La differenza tra un legno massiccio e un’altra sta nel metodo di lavorazione e nel tipo di squadratura:

  • Trave uso Trieste

Abete rosso scortecciato, squadrato su quattro lati, seguendo la rastremazione del tronco, con conicicità controllata di 5/6 mm a metro lineare. Questa lavorazione intacca solo superficialmente le fibre legnose, determinandone più elevate caratteristiche meccaniche di portata e maggiore resistenza al fuoco.

  • Trave uso Fiume

Abete rosso scortecciato, squadrato su quattro lati, parallelo testa/punta. La lavorazione intacca solo parte delle fibre legnose, garantendo ottime caratteristiche meccaniche e di portata , superiori alle travi a spigolo vivo, e maggiore resistenza al fuoco.

KVH

E’ un prodotto che è una via di mezzo tra il legno massiccio e il lamellare.

KVH (Konstruktionsvollholz) significa in lingua tedesca: legno massiccio da costruzione.

Questo prodotto risulta, per certe sezioni e lunghezze, interessante rispetto al legno massiccio della stessa specie, in ragione della maggiore resa di trasformazione ottenuta.

Il KVH è un legno massiccio squadrato e piallato, essiccato, classificato in base alla resistenza e giuntato a pettine sull’intera sezione trasversale per eliminare i nodi non accettabili. Normalmente viene prodotto in abete rosso.

Le lunghezze disponibili dipendono normalmente dalla sezione trasversale e possono essere intere o giuntate a pettine. La trave KVH giuntata viene fornita in lunghezze sino a 13,50 metri. Come collante si usano resine poliuretaniche trasparenti, adatte all’impiego in esterni.

Per i prodotti giuntati a pettine è necessaria la prova di idoneità dell’adesivo per le strutture portanti. L’umidità del KVH incollato è dell’ordine del 12-15%. L’impiego del KVH è identico a quello del legno massiccio non giuntato. In particolare, è necessario ricordare che la possibilità di fessurazioni superficiali è assai ridotta, ma non assente.

LEGNO LAMELLARE

Molto utilizzato nelle costruzioni odierne è il legno lamellare, specialmente in strutture di notevole rilevanza statica grazie alle sue caratteristiche, che consentono di soddisfare le esigenze di un moderno approccio alla progettazione strutturale, rendendolo da questo punto di vista, competitivo rispetto all’acciaio e al calcestruzzo.

Classi di resistenza del legno lamellare incollato: GL24, GL28, GL32.

Se nel capitolato non viene indicata la specie legnosa, normalmente viene fornito materiale in abete; in alternativa può essere prescritto il larice in quanto maggiormente duraturo.

legno8 mani legno9